Doppio Slash - scheda educatori

Dati sintetici della storia

Titolo: Pacco sorpresa

Argomento: malware

Informazioni sull’argomento trattato

In questa storia il computer di Isaia viene colpito da un software maligno (malware). Nel suo caso non sembra trattarsi di un virus, ma di un trojan, che opera di nascosto, raccogliendo dati e aprendo le porte a successivi attacchi. La conseguenza più evidente di un'infezione del genere è un sensibile rallentamento del computer, ma il vero rischio è un altro: la presenza del trojan mette seriamente in discussione la sicurezza dell'utente, divulgando informazioni riservate che possono essere utilizzate per qualsiasi genere di attività illecita.

I trojan, per diffondersi, hanno bisogno di essere eseguiti manualmente. In pratica è la vittima stessa che installa il programma, credendo di aver scaricato qualcosa di utile, come allegato di posta elettronica o direttamente da un sito.


Approfondimenti e proposte di attività

Malware

I software maligni sono estremamente diffusi e costituiscono una grave minaccia da cui deve difendersi chiunque utilizzi il computer. I trojan si chiamano così perché, come il mitico Cavallo di Troia, si basano sull'inganno per raggiungere il proprio scopo. Sono del tutto innocui, finché l'utente non decide di mandarli in esecuzione.

Esistono molti tipi di malware: virus, worm, spyware, adware... Agiscono e si diffondono in modi differenti, ma è possibile difendersi efficacemente. Per prima cosa è necessario dotare il proprio sistema operativo delle protezioni necessarie (antivirus, antispyware, firewall...). Spesso sono già fornite all'atto dell'acquisto, perché integrate nel sistema o inserite nel pacchetto software, ma è bene verificarne sia la presenza, sia l'aggiornamento. Nessun sistema automatico è però infallibile, anzi. Ogni giorno vengono create e diffuse nuove minacce, che non vengono immediatamente rilevate dai sistemi di protezione. Serve un atteggiamento saggio da parte degli utilizzatori, che non devono lasciarsi ingannare da proposte e offerte di dubbia provenienza.

Proviamo a riassumere in poche semplici regole i criteri da seguire per evitare disavventure come quella di Isaia:

In questo caso non abbiamo da proporre attività particolari. Sarebbe troppo pericoloso fare esperimenti con questo genere di programmi. Consigliamo comunque a genitori ed insegnanti di verificare lo stato di protezione dei computer utilizzati dai ragazzi. Questi ultimi vanno invitati a chiedere aiuto ad una persona più esperta prima di svolgere qualsiasi operazione che potrebbe mettere a rischio la sicurezza del proprio computer.